Voi siete qui / Home page / News / Articolo


Il satellite PRISMA da questa notte è in orbita intorno alla Terra: il contributo di ACS alla missione


22/03/2019


PRISMA è un satellite dimostratore dell’Agenzia Spaziale Italiana e per la sua realizzazione, lancio e ricezione dati sono coinvolte industrie nazionali e numerose PMI.

Per il lancio, avvenuto quando in Italia erano le 2.50 di questa mattina dalla base spaziale europea di Kourou nella Guyana Francese, è stato utilizzato il lanciatore VEGA.

Il satellite PRISMA andrà a completare l’offerta attuale nel segmento spaziale di Osservazione della Terra dell’Agenzia Spaziale Italiana, finora essenzialmente basato sui Radar ad Apertura Sintetica della costellazione COSMO-SkyMed, con un sensore ottico iperspettrale innovativo, in grado di acquisire immagini della superficie terrestre contenenti informazioni sulla composizione chimico-fisica degli oggetti presenti nella scena osservata e quindi di fornire un contributo informativo unico per diverse applicazioni.

 Il satellite è stato realizzato da un Raggruppamento Temporaneo di Imprese, guidato da OHB Italia, responsabile della missione e della gestione dei tre principali segmenti (terra, volo e lancio), e Leonardo, che ha realizzato la strumentazione elettro-ottica iperspettrale, oltre a diversi equipaggiamenti di bordo, come i sensori d’assetto e il pannello solare. 

"La tecnologia di Leonardo è il cuore di questa missione: la nostra telecamera iperspettrale, la più evoluta e più potente al mondo, doterà l’Italia della capacità di studiare il Pianeta come mai prima è stato possibile – ha commentato Alessandro Profumo, Amministratore Delegato di Leonardo - Il nostro Centro del Fucino seguirà la messa in orbita e i primi test di funzionamento fino a garantire alla comunità scientifica l’accesso a dati preziosi per lo sviluppo sostenibile. Leonardo mette tutto il proprio impegno in questa grande sfida, con l’energia, le competenze e la dedizione di donne e uomini che aprono nuove strade di innovazione tecnologica.”

(dal comunicato stampa di Leonardo)

 

Angelantoni Test Technologies è orgogliosa di aver contribuito a questo specifico aspetto della missione, grazie al simulatore spaziale (denominato GALILEO Large Thermal Vacuum Chamber) installato nel Laboratorio Testing di Leonardo, all'interno del quale sono stati realizzati i test ambientali sulla strumentazione elettro-ottica iperspettrale.

Il simulatore - dotato di shroud indipendentemente termoregolato, thermal plate e decontamination plate - ha un volume interno utile di circa 17 m3 ed un range di temperatura di -193/+150°C. Per quanto riguarda l'alto vuoto la camera raggiunge il valore di 10-6 mbar in meno di 3 ore.

 

Cliccare qui per il video del TGR Toscana, realizzato all'interno dei laboratori di Leonardo - Firenze, dedicato al lancio di PRISMA (min.18-20)